Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco sul sito www.aams.gov.it, qui e presso i punti vendita.
GIOCARE PUÒ CAUSARE
DIPENDENZA PATOLOGICA
IL GIOCO È VIETATO
AI MINORI DI 18 ANNI
Scopri Lottomatica.it su Youtube
prova
Segui Lottomatica.it su Twitter
Google Plus  - Lottomatica.it
poker club
Scarica Gratis il Client
 
Bonus
 

Regole Poker

Il Poker è uno dei giochi di carte più antichi, oggi molto diffuso nelle sue varianti più note, il Texas Hold’Em, l’Omaha, il Poker italiano, la modalità “Draw Games” e “Stud Games” ciascuno con un suo set di regole specifiche che si aggiungono alle regole generali del Poker, comuni a tutti i tipi di gioco, determinandone le caratteristiche peculiari.
Alcune specifiche regole del Poker, inoltre, vengono applicate a un tipo particolare di partita, l’Heads Up, cioè uno scontro diretto fra due soli avversari.

Il Buy-in

Per  prendere parte a una partita di Poker è necessario possedere una quantitativo iniziale minimo di chips, che viene chiamato Buy-in. Il  Buy-in è la somma che bisogna pagare per iscriversi, anche se la definizione corretta sarebbe “Entry Fee”.  Il buy-in è generalmente composto da due cifre scritte nel seguente modo: es. 20+5. Dove la prima cifra indica la quota del buy-in che andrà a costituire il montepremi mentre la seconda cifra indica la quota che verrà trattenuta dagli organizzatori del torneo. La cifra totale che costituisce il buy-in dell’esempio è 25.
Nel Limit Poker il buy-in minimo è 10 volte l’ammontare della puntata massima consentita in quella partita, mentre non c’è un buy-in massimo.
Nel Poker No-limit e in quello pot-limit il buy-in minimo è 20 volte il grande buio, mentre quello massimo è 100 volte il grande buio. Questa regola del buy-in massimo non si applica quando un giocatore che ha abbandonato il gioco con una somma superiore al buy-in massimo vi fa ritorno entro 20 minuti.

I movimenti del bottone del Dealer

Nelle partite di Poker, in particolare nel Poker online, un disco chiamato il “bottone” indica quale giocatore ha in quel momento il ruolo del dealer (mazziere), cioè colui che distribuisce le carte.
Il giocatore di Poker con il bottone è l’ultimo a ricevere le carte nella distribuzione iniziale e ha il diritto di effettuare l’ultima puntata al termine del primo giro di scommesse (escludendo buiante e controbuiante).
Il bottone si sposta in senso orario al termine di ciascuna mano, in modo che tutti i giocatori possano godere del vantaggio di poter effettuare l’ultima puntata.

I Bui

I bui sono puntate che vengono effettuate all’inizio del gioco prima che i giocatori abbiano visto le rispettive carte coperte e hanno lo scopo di dare sostanza al piatto e stimolare l’azione e le puntate dei giocatori.
I bui fanno parte attiva della posta messa sul piatto da ciascun giocatore di Poker, a meno che una situazione particolare porti a considerare tutto o parte del buio come “morto”.
Il giocatore alla sinistra del bottone mette sul piatto il piccolo buio e quello subito dopo gioca il grande buio. Il giocatore a sinistra di quello che ha giocato il grande buio inizia il giro di scommesse della prima mano.
In tutte le mani seguenti il giocatore alla sinistra del bottone inizia il giro di puntate.

Regole per giocare il buio

Nelle varianti del Poker con il Buio, I giocatori sono tenuti a mettere sul piatto un piccolo buio e un grande buio. Nel Poker con limite di puntata il grande buio equivale alla puntata minima consentita, mentre il piccolo buio è metà del grande buio. Nel caso di Poker no limit o pot limit, l’ammontare di piccolo e grande buio è stabilito dal regolamento della casa da gioco, del sito di Poker online o del torneo.

La rotazione del bottone del dealer e quindi la conseguente rotazione di Piccolo e Grande Buio deve svolgersi con regolarità per non svantaggiare un giocatore su un altro nello svolgimento complessivo delle mani.

Esistono casistiche particolari:

Prossimo dealer appena eliminato dal Torneo:

  • Piccolo Buio e Grande Buio continuano regolarmente
  • Il bottone rimane al dealer precedente

Prossimo Piccolo Buio appena eliminato dal Torneo:

  • Il Bottone si sposta al dealer designato.
  • Durante la mano non viene messo in gioco il Piccolo Buio.
  • Il Grande Buio viene giocato regolarmente.

Spostamenti a un nuovo tavolo:

Se il giocatore spostato è di Piccolo Buio salta il turno. Giocherà la mano successiva ma non come Dealer il bottone passa al giocatore successivo.

  • Se il giocatore spostato è Dealer gioca la mano ma il bottone viene assegnato al giocatore successivo
  • In tutti gli altri casi il giocatore spostato gioca regolarmente la mano

Testa a testa:

  • Con soli 2 giocatori al tavolo il dealer è anche di Piccolo Buio ed è quindi il primo a parlare
  • quando un nuovo giocatore si siede al tavolo di Poker a partita in corso, per iniziare a giocare può decidere se attendere che arrivi il suo turno di mettere sul piatto il grande buio o mettere sul piatto subito una somma equivalente al grande buio e prender parte al gioco fin da subito. Anche se sceglie questa seconda opzione, la somma messa sul piatto viene considerata “viva”, cioè fa parte della puntata di quel giocatore in quella mano di Poker.
  • I bui messi sul piatto quando arriva il proprio turno sono considerati “vivi”. Un giocatore che gioca il buio al proprio turno ha l’opzione di poter rilanciare appena arriva il primo turno di puntata.
  • Se un giocatore abbandona temporaneamente la partita e perde il suo turno di piccolo e grande buio, in base alle regole del Poker, deve aggiungere al piatto la puntata corrispondente ad entrambi i bui prima di poter prendere parte al gioco.
    Se il giocatore non è nella posizione del grande buio, gli sarà comunque richiesto di mettere sul piatto sia un piccolo buio che un grande buio: il grande buio sarà considerato “vivo”, mentre il piccolo buio sarà “morto”, nel senso che non verrà conteggiato fra le puntate di quel giocatore nella mano di Poker corrente.
  • Se un nuovo giocatore resta temporaneamente fuori dal gioco e perde il suo turno di giocare il grande e il piccolo buio, dovrà comunque mettere sul piatto l’ammontare corrispondente alla somma di entrambi prima di poter essere ammesso al gioco attivo. In alternativa, può decidere di attendere fin quando arriverà il suo turno di giocare il grande buio.
  • Se un nuovo giocatore si siede al tavolo da Poker  fra il piccolo e grande buio non può ricevere le carte per quella mano.
  • Se un giocatore lascia temporaneamente il tavolo da Poker e perde il suo turno di giocare il piccolo buio e vuole rientrare in gioco, deve aggiungere al piatto un piccolo buio “vivo” prima di essere riammesso al gioco.
  • Se un giocatore va All-In e perde, è obbligato a restituire al piatto i bui se, prima di essersi nuovamente rifornito di chips (Re-Buy), ha saltato il suo turno di giocare il buio.

Puntare e rilanciare

In tutte le varianti del Poker, le regole permettono di fare un check o di rilanciare quando è il proprio turno di gioco.
Nel Poker No Limit non ci sono limiti massimi per il rilancio, mentre nel Poker Pot-Limit il limite massimo è costituito dall’ammontare del piatto in quel momento.
Nella versione di Poker con limite, c’è un limite massimo prestabilito per la puntata e un limite di tre rilanci per ogni mano.
In una partita di Limit Poker, una puntata All-In di un ammontare corrispondente a meno della metà della puntata necessaria per restare in gioco in quella mano, non riapre la possibilità di agire per nessun giocatore che abbia già terminato il suo turno di gioco in quella mano. Il giocatore seguente, in questa situazione, può lasciare, vedere o integrare la puntata, ma non può rilanciare.
Un All-In superiore alla metà della puntata viene invece considerato come una puntata intera e quindi il giocatore successivo può lasciare, vedere o rilanciare.
Nel Poker No Limit una puntata inferiore alla puntata o al rilancio del giocatore precedente non riapre il gioco per i giocatori successivi che hanno già fatto il loro gioco in quella mano.
Ogni puntata deve essere per lo meno equivalente alla puntata o rilancio precedente, a meno che un giocatore non vada All-In.

Lo Showdown

Tutte le mani di Poker che sono arrivate al giro finale di scommesse richiedono lo Showdown, cioè il momento in cui i giocatori mostrano le carte in proprio possesso e viene stabilito il vincitore.
Il primo a mostrare le carte è il giocatore che ha dato il via all’ultima azione nel giro finale di puntate e, dopo di lui, via via tutti gli altri in senso orario scoprono le carte se e solo se la combinazione in loro possesso è in grado di battere quelle precedenti.
Se nel round finale tutti i giocatori fanno un check, la prima persona a mostrare le carte sarà il giocatore che ha agito per primo in quel giro di puntate.
Nei giochi con il bottone, costui sarà il primo a sinistra del bottone (cioè del Dealer). Nel Poker Stud, il primo a mostrare le carte sarà quello con il board più alto.

I giocatori hanno l’opzione di mostrare o meno le carte se nessuno ha fatto un check o ha rilanciato la prima puntata.

 
Registrati   Scarica il Software